Recensione Kappa Garda 52 Litri

kappa garda 52

Oggi vi presentiamo una nuova new entry firmata Kappa, stiamo parlando del Garda 52. Disponibile su internet ad un prezzo di circa 139 euro, il nuovo baule dell’azienda bresciana offre una buona qualità costruttiva ed un grande spazio che può ospitare senza problemi due caschi modulari/integrali come l’AGV AX-8 e l’Hornet Ds della Shoei.

Il baule ha un bellissimo design ed è stato costruito con materiali di qualità, robusto ma leggero, curato nei dettagli, nulla da invidiare ai prodotti Givi più famosi come il TREKKER (acquistabile a circa 200 euro), anch’esso disponibile in diverse varianti: 33, 46 e 52 litri di capienza.

Fra le sue principali caratteristiche spicca la cover in alluminio presente sulla parte superiore ed una sagomatura che rende il baule molto accativante. Fra gli accessori è presente lo schienalino acquistabile a circa 20/25 euro.

Il Garda 52 misura 31 cm x 45 cm x 60 cm. Come riportato nella scheda tecnica il baule supporta fino ad un massimo di 10 kg. Semplicissima l’installazione per chi possiede già una piastra di fissaggio che utilizza il sistema brevettato Monokey presente nella maggiorparte dei bauletti Givi, dato che il prodotto made in Kappa è totalmente compatibile.

Gli altri potranno acquistare la staffa per il montaggio disponibile sugli store online a circa 20 euro.

Nonostante le generose dimensioni il baule si amalgama molto bene e non rovina la linea “snella” della nostra Yamaha Teneré XT660Z sul quale è stato provato, tuttalpiù rende il look della moto più accattivante e avventuriero.

Abbiamo testato il Garda 52 in condizioni climatiche poco favorevoli e con forti piogge durante lunghi e breve tragitti, nulla da segnalare, il nuovo baule prodotto dall’azienda bresciana si è comportato egregiamente confermando ancora una volta l’ottima qualità dei suoi prodotti.

Ottimo lavoro Kappa!

Voto: 4.5 / 5

Slovenia: 10 giorni alla partenza, iniziano i preparativi

Mancano poco più di 15 giorni alla partenza e l’eccitazione cresce per il primo viaggio di questo nuovo anno che sancisce l’arrivo della primavera. Alcune piccole manutenzione per la moto: cambio delle gomme (Mitas E07), filtro dell’aria, candela nuova ed alcuni accessori fra i quali l’action cam SJ4000 grazie alle quale potremo registrare parte del viaggio ed il nuovo baule Kappa Garda 52 che ci garantirà un maggior confort durante il viaggio.

Modena sarà la città di partenza attualmente prevista per il 10 aprile, la prima metà da raggiungere sarà Lubiana dove pernotteremo per alcuni giorni e dalla quale ci sposteremo per raggiungere le altre destinazioni.

In attesa che arrivi il giorno della partenza stiamo raccogliendo alcune informazioni riguardo la Slovenia utili per i motociclisti.

Limiti di velocità
50 km/h nei centri abitati;
90 km/h fuori dei centri abitati;
100 km/h sulle strade a doppia corsia per ogni carreggiata;
130 km/h in autostrada.

Equipaggiamento obbligatorio moto
Triangolo, Giubbetto riflettente, Lampadine di ricambio, Cassetta di pronto soccorso: alcuni dicono che sia obbligatoria altri raccomandata, noi per sicurezza abbiamo acquistato modello omologato su Ebay per circa 8 euro.

Pagamento Autostrada
Per circolare In Slovenia, utilizzando le autostrade e superstrade è obbligatorio l’acquisto di un contrassegno, conosciuto come vignetta, da esporre sul parabrezza del veicolo. Per i motocicli il prezzo è inferiore, contrariamente alle autostrade italiane dove il prezzo per i veicoli a due e quattro ruote è il medesimo. Acquisteremo la vignetta valida per una settimana.

A seguire i prezzi:

Motoveicoli
Annuale 47,50 euro
Semestrale 25,00 euro
Settimanale 7,50 euro