Mongolia 2016, il sogno prende vita

Sono passati 4 anni dal momento in cui decisi che un giorno avrei raggiunto in moto la Mongolia, l’antica terra senza tempo dove corrono i cavalli selvaggi e nel cielo volano solenni e maestose le aquile, patria del condottiero e sovrano Genghis Khan,

Quest’anno, dopo mesi di indecisione e ripensamenti, il sogno prende vita.

L’idea è quella di raggiungere Ulan Bator visitando i Paesi Baltici, la Russia, la Siberia e infine attraversando la Mongolia.

I giorni a disposizione sono circa 30 e i km da percorrere 11.000, di cui gli ultimi 2.000 su strade sterrate. Una volta raggiunta la capitale spedirò la moto via terra tramite la Pan Europe (www.pan-europa.de), compagnia tedesca specializzata in spedizioni, ed io prenderò un volo con destinazione Milano.

Il costo della spedizione della moto, comprensivo di cassa in legno e assicurazione, è di circa 1400 euro. La moto dovrà essere svuotata dai liquidi (ancora non so quali) e riposta da me medesimo all’interno della cassa in legno. La consegna avverrà direttamente a casa mia dopo circa 1 mese.

Per l’organizzazione di questo viaggio ho reperito molte informazioni su internet leggendo libri e diari di viaggio di altri centauri, tuttavia gran parte del lavoro è ancora da ultimare.

Colgo l’occasione per ringraziare Daniele, Marco e Pinuccio che mi hanno gentilmente dedicato il loro tempo.

Prima della partenza: I documenti necessari

  • Visto turistico Russia 130 euro
  • Visto turistico Mongolia 100 euro
  • Patente internazionale 42 euro, consegnato in 7 giorni

L’itinerario

La partenza è programmata per il 31 luglio.

Lascerò Modena alle prime luci dell’alba per raggiungere Vienna dopo circa 750 km di viaggio. Attraverserò Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia, Russia e Mongolia con una media di percorrenza giornaliera di 300 km, questo fino al confine con la Russia.

mongolia-in-moto-2016-itinerario

Dopo una sosta di 4 giorni tra San Pietroburgo e Mosca, attraverserò la Siberia fino a Barnaul, dove effettuerò un cambio gomme sostituendo le attuali Tourance con un treno di tassellate Michelin T63.

Da Barnaul poi raggiungerò Tashanta ad appena 750 km di distanza, 1 dei 3 possibili posti di frontiera attraverso cui entrare in Mongolia.

frontiera_tashanta_russia_mongolia

Una volta in Mongolia seguirò la pista sud, il regno del deserto del Gobi, con un itinerario approssimativo mi lascerò guidare dal mio istinto, spinto dalla curiosità e dalla voglia di esplorare

Ogni viaggio è un ricordo ancor prima di esser vissuto, germoglia silenziosamente all’interno e poi lentamente fiorisce e si insinua prepotentemente nella tua vita, e allora tu non hai scelta, devi salire in sella e partire.

Detta così sembra facile ma la storia non finisce qui. Mi ritroverò solo con me stesso e dovrò tirare fuori il meglio di me. Riuscirò nell’impresa?

Avrò 15 giorni per raggiungere Ulan Bator: un appuntamento a cui non posso mancare!!!

italia mongolia moto

21 risposte a “Mongolia 2016, il sogno prende vita”

  1. Parti il giorno del mio compleanno. Tu faccio, con tanta invidia, un grande in bocca al lupo della Mongolia. Sii proprio come lui.
    Ad majora

    1. Grazie per il commento Adriano, davvero! Mi ha fatto moltissimo piacere. Ti faccio tantissimi auguri in anticipo 🙂

      A presto!

  2. ..grande stima….se ti servono consigli..ti passo il tel del ns amico qui di bologna che è già andato in Mongolia ed ha organizzato insieme a noi il ns viaggio in sud amer (cile-arg-bol-e perù) tre anni fa…un abbraccio…..ciao mauri ( fb maurizio fini)

    1. Ciao Maurizio,
      grazie mille. Accetto volentieri il contatto del tuo amici che può essere sempre utile.

      Grazie ancora,
      un abbraccio

  3. Ho sempre detto che sei SUPER PIETROOOOOO 🙂

    In bocca al lupo caro Pietro e attendiamo gli aggiornamenti nel tuo dirio di viaggio!
    Tania

  4. Sarebbe anche un mio grande sogno. Era anche un mio grande sogno che il prepensionamento mi ha bloccato per non “sprecare” soldi che potrebbero venire bene per necessità piu’ impellenti.. Fai questo viaggio anche per me, e per tutti quelli che, come me, sono rimasti con le ali tarpate.. Buon viaggio verso la libertà ???? assoluta, amico mio motoviaggiatori ????

    1. Grazie mille Gaetano per l’augurio. Spero che un giorno anche tu potrai realizzare il tuo sogno.

      Spero di poterti deliziare con delle belle foto e video.

      Manca appena un giorno alla partenza sono molto emozionato.

      Un abbraccio

  5. Grande Uomo Pietro, ho um bellissimo ricordo di te di bambino gracile ma oggi ti vedo un leone possente a cui auguro tanta fortuna e una strada facile fino alla tua meta…..e sono altrettanto sicuro che non sarai solo in questo viaggio. Riguardati!

    1. Ciaoooo Santo, che piacere sentirti come stai? 🙂

      Anche io porto con me un bellissimo ricordo di te di quegli anni che abbiamo condiviso.
      Ti ringrazio per il commento mi ha fatto davvero piacere. Un abbraccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *